.
Annunci online

It's allright Ma (I'm only bleeding)
22 gennaio 2009
una giornata con Faber e i carrugi
Mi ha emozionato come un bambino visitare la mostra su Fabrizio De André presso il Palazzo Ducale di Genova. Come un bambino al Luna Park investito da sentimenti che anticipano la gioia e poi la malinconia al momento di lasciarsi alle spalle luci colori e le giostre.
Il leggio la sedia e la sua giacca sistemati su una piccola pedana appena si entra ti colpiscono come un colpo basso. Non mi aspettavo di trovarmi di fronte un pezzo di Fabrizio così intimo, più di una sua canzone o foto o chitarra. La giacca, soprattutto la giacca consumata.

Il resto dell’allestimento è una piacevole mescolanza di malinconia e tecnologia, un progetto multimediale niente affatto freddo, forse anche per la sua voce calda presente ovunque.

Una cosa ho trovato fuori luogo, una A cerchiata appesa vicino a uno schermo. De André era un anarchico vero senza etichette o loghi aggiunti.

Uscito dall’ambiente nero e caldo mi sono rituffato tra le vie di Genova, una città che amo in modo viscerale con i suoi carrugi botteghe e gente disperata e strampalata e l’odore del mare e del porto che ti insegue e abbraccia.
Ritornare a casa è stata davvero dura. Il nonno marinaio mi tira sempre per la coda.




permalink | inviato da amphetamine il 22/1/2009 alle 14:57 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
sfoglia
dicembre        febbraio

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

blog letto 201929 volte